Museo
GIANNI SEVINI

GIANNI SEVINI

INTER/VERSUS
dal 10 novembre al 26 dicembre 2019

GIANNI SEVINI - INTER/VERSUS

A cura di Vittorio Spampinato

Dal 10 novembre al 26 dicembre 2019 presso la Sala dei Contemporanei di Ca' la Ghironda-ModernArtMuseum.

Inaugurazione domenica 10 novembre - Ore 16.00

 

Domenica 10 novembre 2019, alle ore 16.00, a Ca’ la Ghironda presso la Sala dei Contemporanei verrà inaugurata l’esposizione di Gianni Sevini Inter/Versus.

Sevini presenta a Ca’ la Ghironda la sua più recente produzione artistica che approfondisce la tematica dello Spazio-Universo già precedentemente affrontata nelle mostre Cosmo-polis e Cosmo-polis2. In questa nuova elaborazione l’artista presenta olii su tela di grandi dimensioni dove la tridimensionalità, il colore e l’universo avvolgono completamento lo spettatore trasportandolo in una fluttuante atmosfera senza tempo dove Arte e Scienza si uniscono in un connubio perfetto.

“Sevini allora diventa il poeta semiotico del versus/verso lirico benché fisico-matematico che detta le regole del Cosmo, ma anche l’interprete delle forze contrapposte del versus/contro che muove lo spazio e distanzia l’un elemento dall’altro e nel contempo diventa altresì il narratore di quel versus/verso che ne recita, dell’universo, la forza dell’attrazione fra le sue componenti. Quel “movimento” insomma che altri non è che il contrario di quel che appare di primo acchito al cannocchiale e che guida l’evoluzione e la trasformazione perenne delle cose e della vita in ogni sua forma e sostanza.

Qui la forza della pittura di Gianni Sevini e qui la sorpresa: la rappresentazione di quel movimento sempre e costantemente dinamico delle strutture planetarie apparentemente statiche, forme precise e immobili dello spazio silenzioso ed eterno, apparentemente scenografia passiva del tutto infinito che viene reso vivo con grande tecnica e gioco di segni e colori perché così è nella realtà più vera ed efficace del gioco della vita.

Un’abilità pittorica rara quella di Gianni Sevini che rimanda al concetto forse del mai fermarsi alle apparenze, dell’andare sempre oltre, del mai fermarsi a quel di cui siamo certi ma avventurarsi laggiù, nelle immensità dell’eterno per ritrovare il “qui” e il “qui e ora” al fine di scandagliarne la verità del nostro tempo e la volontà della nostra coscienza.”

Vittorio Spampinato

La mostra, patrocinata dal Comune di Zola Predosa (Assessorato alla Cultura) e dalla Fondazione di Ca’ la Ghironda, avrà luogo fino al 26 dicembre 2019.

 

Scrivi un commento

Valutazione:
Inserisci il codice nel box sottostante:

Informativa sui Cookie | Cookie Policy